Home Notizie RISPARMIO IDRICO E LIMITAZIONI AL CONSUMO DI ACQUA POTABILE. EMANATA SPECIFICA ORDINANZA....

RISPARMIO IDRICO E LIMITAZIONI AL CONSUMO DI ACQUA POTABILE. EMANATA SPECIFICA ORDINANZA. IL SINDACO GRILLO: “Faccio appello all’impegno di tutti per un utilizzo corretto e razionale della risorsa idrica, anche attraverso semplici attenzioni da applicare nella vita quotidiana”

132

Le scarse piogge di questi mesi, con la siccità che mette in ginocchio soprattutto il settore agricolo e riduce le falde acquifere, impongono il divieto di utilizzo dell’acqua comunale per usi diversi da quello alimentare, domestico ed igienico. Pertanto, l’nvito alla cittadinanza è quello di adottare qualsiasi accorgimento finalizzato al risparmio idrico. Questo, in sintesi, il contenuto dell’Ordinanza a firma del sindaco Massimo Grillo, con la quale – a fronte dei cambiamenti climatici e delle scarse precipitazioni – si impone, su tutto il territorio comunale di Marsala, fino al prossimo 31 ottobre, un rigoroso contenimento del consumo della risorsa idrica, sempre più ridotta ed esauribile. Il sindaco Massimo Grillo: “Occorre prevenire possibili emergenze che potrebbero crearsi a seguito di un incremento di domanda di acqua nei prossimi mesi. Situazione che, tra l’altro, potrebbe aggravarsi nel corso dei mesi estivi, tenuto conto delle ricorrenti ondate di caldo e dell’aumento delle utenze correlato a quello dei turisti”. La gravità della situazione idrica regionale, nei giorni scorsi, era stata rappresentata dall’A.T.I. Trapani, concludendo sull’importanza di informare i cittadini del grave stato di crisi, sensibilizzando gli stessi ad un utilizzo paresimonioso dell’acqua. Da qui l’obbligo imposto dal provvedimento sindacale che vieta – in ambito domestico/privato – l’utilizzo della risorsa idrica dell’Acquedotto comunale per irrigare ed innaffiare orti, giardini e prati; lavare cortili, piazzali e veicoli; riempire fontane, vasche e piscine su aree private. L’uso dell’acqua per esigenze di lavoro (ad es. lavaggi) o per fini produttivi è consentito solo in presenza di pozzo privato, adibito all’esercizio delle attività svolte. “Faccio appello all’impegno di tutti i cittadini – conclude il sindaco Grillo – per un utilizzo corretto e razionale dell’acqua, anche attraverso piccole e semplici attenzioni da applicare nella vita quotidiana, utili a risparmiare quanto più acqua possibile in ambito familiare”. A tal fine, l’Amministrazione comunale rivolge l’invito alla cittadinanza ad adottare ogni qualsiasi e possibile accorgimento finalizzato al risparmio idrico, tra cui riparare perdite, anche minime, di rubinetti, sciacquoni, ecc…; utilizzare l’acqua di lavaggio di frutta e verdura per innaffiare le piante; utilizzare lavatrici e lavastoviglie solo a pieno carico; chiedere il rubinetto mentre ci si lava i denti.

Il provvedimento sindacale, infine nel sottolineare l’importanza della collaborazione di tutti per il risparmio idrico – invita i cittadini a riflettere su alcuni dati, tra i quali: il 40 % dell’acqua potabile si utilizza per gli scarichi dei servizi igienici; per una doccia di 5 minuti sono necessari 60 litri di acqua e per riempire una vasca da bagno ne occorrono il doppio; azionando gli elettrodomestici a pieno carico si risparmiano dagli 8.000 agli 11.000 litri all’anno.

 

Alessandro Tarantino