Home Cultura 3 SANTI E 104 PIETANZE: COSÌ PRENDE VITA L’ALTARE DI SAN GIUSEPPE...

3 SANTI E 104 PIETANZE: COSÌ PRENDE VITA L’ALTARE DI SAN GIUSEPPE A CAMPOBELLO DI MAZARA

210

[CAMPOBELLO DI MAZARA] Centoquattro pietanze e tre Santi – un ragazzo orfano di mamma e papà e due bambini bisognosi di cure – saranno gli elementi del pranzo coi Santi che si terrà sabato 23 marzo presso l’altare di San Giuseppe allestito presso il palazzo Accardi di Campobello di Mazara su iniziativa della “Pro Loco di Campobello di Mazara e delle frazioni” e dedicato alla memoria dei mastri Baldassare Stallone e Girolamo Giorgi. L’altare è uno dei due allestiti in paese. L’ultimo altare allestito a palazzo Accardi fu nel 2006, per mano dei due anziani ora scomparsi. Il rito avrà inizio alle ore 8,30 con la colazione che verrà offerta ai tre Santi in un locale diverso da quello dell’altare all’interno di palazzo Accardi. Poi alle ore 11 nella chiesa madre di Campobello sarà

celebrata la santa messa e, a seguire, la “tamburiniata” col corteo dei santi lungo la via G. Garibaldi sino a raggiungere il palazzo Accardi. Qui avverrà il rito della “tuppuliata”, i tre colpi al portone e poi, infine, l’apertura con l’accoglienza dei santi che si siederanno a tavola per il pranzo che terminerà alle ore 21. «Anche quello di servire i santi è un rito tradizionale – spiega il presidente della Pro Loco, Max Firreri – ecco perché abbiamo coinvolto ragazzi scapoli, persone adulte, uomini di buona volontà che si alterneranno durante la giornata». E Firreri aggiunge: «Per la preparazione delle pietanze è stata coinvolta l’intera comunità di Campobello, cittadini che spontaneamente si sono messi a disposizione nell’offrire cibi pronti e derrate alimentari». Ieri all’altare visita didattica dagli alunni dell’istituto comprensivo cittadino “San Giovanni Bosco-Luigi Pirandello”: «La visita degli alunni di Campobello è stata un’operazione mirata a rafforzare radici e identità col proprio paese – ha detto ancora il presidente della Pro Loco – siamo convinti che una comunità cresce se non perde la memoria e le tradizioni. E i giovani rappresentano il naturale cammino di generazioni in cui tutto questo si tramanda».

comunicato stampa